Conclusa la prima settimana di Camper. Morise – Tinto ben centrati, ma che confusione!

Si è appena conclusa la prima settimana di messa in onda di “Camper”, la nuova trasmissione estiva di Rai 1 chiamata a ricoprire un arduo compito, ossia quello di occupare la fascia del mezzogiorno, ormai da anni stabilmente nelle mani delle repliche della fiction di successo “Don Matteo”.

La struttura e l’obiettivo del programma sono stati chiari fin da subito: un viaggio alla scoperta dell’Italia e delle storie della gente comune viste e raccontate da un vasto team di inviati che si alternano nel corso della puntata. Il fulcro principale di Camper, infatti, è proprio questo: una serie di collegamenti, intervallati da alcuni spazi in studio gestiti dai soli conduttori, che accompagnano man mano il pubblico all’ora di pranzo in un mix di leggerezza e divertimento.

Questo meccanismo sembra mostrare però, al momento, due risultati ben distinti: se da un lato permette sicuramente alla trasmissione di essere gradevole e di compagnia e le garantisce un ritmo fluido e scorrevole, dall’altro il rischio è quello di creare un effetto confusionario che fa perdere l’attenzione del telespettatore, che si trova a dover spaziare tra un argomento e l’altro in continuazione.

La conduzione, affidata all’inedita coppia (sin da subito complice e in sintonia) Tinto – Roberta Morise, si è rivelata centrata e ben calata nel ruolo, in grado di gestire i vari spazi in studio e in esterna, anche quelli di difficoltà (come i collegamenti non riusciti o, ad esempio, la rubrica sul mondo animale con un cane in studio più che movimentato), con vivacità e sempre con la giusta dose di ironia e intrattenimento, .

Piacevole l’idea del balletto realizzato con Samuel Peron da portare in giro nelle spiagge italiane e la presenza di un barman in studio, meno la sfida culinaria di cui la nostra televisione è fin troppo piena al giorno d’oggi.

Nel complesso il programma si pone come una valida alternativa alle repliche viste e riviste simbolo dell’estate televisiva, con buone potenzialità da sfruttare e potenziare nel corso di questi mesi e alcuni punti da rivedere e modificare, ma, considerando che il viaggio è appena iniziato, c’è tutto il tempo per arrivare alla meta vincenti e apprezzati.

 

Lascia un commento