Crea sito

#ClaudioBisio presenta #TuttaColpaDiFreud: “Ho preso il posto di #MarcoGiallini ma con dei cambiamenti…”

Intervistato da “TV Sorrisi e Canzoni”, Claudio Bisio racconta la nuova serie “Tutta colpa di Freud” tratta dall’omonimo film e disponibile da giovedì su Amazon Prime Video. L’attore interpreta uno psicanalista con…

di:

INTERVISTE

Sarà disponibile da giovedì 26 febbraio in anteprima su Amazon Prime Video, in attesa del debutto su Canale 5, “Tutta colpa di Freud”, la nuova serie in 8 episodi da 45 minuti l’uno, scritta da Paolo Genovese (autore anche dell’omonimo film del 2014) e diretta da Rolando Ravello.

Il protagonista, Claudio Bisio, ha presentato il nuovo titolo in un’intervista rilasciata al settimanale TV Sorrisi e Canzoni, dichiarando: “Va detto che è un remake o un sequel, come preferite, del film “Tutta colpa di Freud”. Io qui ho preso il posto di Marco Giallini ma con dei cambiamenti: primo fra tutti lui era romano e io sono milanese”.

L’attore interpreta il protagonista Francesco Taramelli che ha descritto come “uno psicanalista (ruolo per altro già interpretato nel film “Confusi e felici”, ndr) con qualche senso di colpa. La moglie ha lasciato lui e le tre figlie per girare il mondo e salvare gli oceani. Così oltre al babbo lui ha fatto anche il “mammo”.

Nel cast, oltre alle sue figlie interpretate da Caterina Shulha, Marta Gastini e Demetra Bellina, troveremo Claudia Pandolfi nei panni di una psicanalista ed “un vicino di casa, Max Tortora, che è l’amico con cui si sfoga. E’ un contraltare comico. Io e Max siamo in apparenza diversi, ma ci fanno ridere le stesse cose”.

Venendo alla trama, Bisio anticipa che “la serie inizia nel momento in cui per la prima volta resta solo, le figlie vanno via di casa e lui ha una crisi di panico. Poi le figlie, per una serie di coincidenze, tornano a casa e da “vuoto” lui si ritrova super pieno”.

L’attore ha infine confidato di essersi divertito molto ad interpretare questo ruolo, spiegando che gran parte del divertimento spesso deriva dai “suoi pazienti”: “I miei pazienti sono dei rami rispetto al tronco della storia principale. Federica Fracassi interpreta una donna terrorizzata da topi, ragni e insetti. Marta Zoboli […]  qui fa una comica che prova le battute durante l’analisi. Herbert Ballerina è un paziente timido con manie di persecuzione”.

 

I Commenti sono chiusi.